giovedì 30 luglio 2015

INTERROGAZIONE - RISPOSTA ASS. PENTENERO E COMUNICATO STAMPA : Sentenza Corte di Cassazione - ICI scuole paritarie



INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA

ai sensi dell’articolo 100 del Regolamento interno
 
Oggetto: Sentenza Corte di Cassazione - ICI scuole paritarie

PREMESSA la recente sentenza della Corte di Cassazione che ha riconosciuto la legittimità da parte del Comune di Livorno a richiedere il pagamento dell’Ici, dal 2011 parte integrante dell’Imu, alle scuole paritarie;

CONSIDERATO che nelle motivazioni la Corte di Cassazione stabilisce che l’esenzione è “limitata all'ipotesi in cui gli immobili siano destinati in via esclusiva allo svolgimento di una delle attività di religione e di culto” indicate dalla legge del 1985 e che in esse «non rientra l'esercizio di attività sanitarie, ricettive o didattiche, salvo non sia dimostrato specificamente che le stesse non siano svolte con modalità non commerciali»;

RILEVATO che le scuole paritarie gravano sulla spesa pubblica il 50 per cento in meno da quelle statali;

TENUTO CONTO inoltre che secondo quanto dichiarato da Don Macrì della Fidae sulle testate giornalistiche nazionali la sentenza della Cassazione costringerà le scuole paritarie a chiudere, poiché hanno già dei bilanci profondamente in rosso;

TENUTO CONTO infatti che la sentenza, destinata a creare un precedente, in assenza di interventi da parte del Governo nazionale, penalizzerà fortemente le scuole paritarie che per far fronte al pagamento dell’Ici saranno costrette ad aumentare le quote di frequenza o a cessare qualsiasi attività;

TENUTO CONTO delle dichiarazioni del Presidente del Consiglio Renzi che non chiariscono che cosa abbia intenzione di fare il Governo a tale proposito

INTERROGA
Il Presidente della Giunta  
L'Assessore competente
                                            


per sapere se non si ritenga di intervenire nei confronti del Governo nazionale affinché si attuino le misure normative che chiariscano definitivamente l’esenzione dal pagamento dell’Imu per le scuole private paritarie.

                                            

Risposta in aula: Interrogazione a risposta immediata n. 595 presentata dalla Consigliera Ruffino inerente a “Sentenza Corte di Cassazione – ICI Scuole paritarie
PENTENERO Giovanna, Assessore all’istruzione

Grazie, Presidente.
Credo che oggi, dopo la sentenza, ci sia la necessità di fare chiarezza rispetto alla questione del pagamento dell'IMU; penso soltanto alla questione legata alle scuole dell'infanzia, che oggi sono già in una situazione di grossa difficoltà. Lo vediamo quotidianamente e quotidianamente assistiamo a scuole che chiudono, soprattutto nelle realtà minori, nelle realtà marginali della nostra Regione.
Quindi, credo che il Governo debba esprimere un parere certo rispetto alle questioni o quantomeno introdurre la possibilità a seconda dei contesti, nel momento in cui c'è un'erogazione di un servizio, di comprendere quale sia la soluzione migliore.
E' evidente che con il passaggio dall'ICI all'IMU le potestà legate alle opportunità di tipo regolamentari dei Comuni sono significativamente ridotte, quindi questa non può essere una soluzione rispetto al problema.
E' evidente che in Conferenza delle Regioni questo tema sarà sottoposto anche dalle altre Regioni ed insieme capiremo quale tipo di atteggiamento assumere, sempre all''interno della Conferenza delle Regioni, nei confronti del Ministero.  A questo punto credo sia anche nell'interesse del Ministero stesso cercare di definire una questione chiara e precisa. Grazie.




SCUOLA, RUFFINO (FI): NESSUNA RASSICURAZIONE DA PARTE DELLA REGIONE PIEMONTE SU ICI SCUOLE PARITARIE

"Non posso che esprimere preoccupazione per l'assenza di una posizione forte della Regione in risposta alla sentenza che obbligherebbe le scuole paritarie a versare l'Ici sui propri immobili". A lanciare la denuncia è il vicepresidente del Consiglio regionale, Daniela Ruffino, a seguito della discussione in aula di una sua interrogazione in merito.
"Mi sarei aspettata una presa di posizione forte della Giunta e del presidente Sergio Chiamparino, nella sua qualità di coordinatore di tutte le Regioni. Non può sfuggire al centrosinistra la valenza fondamentale che hanno le scuole paritarie nel complesso dell'istruzione piemontese e italiana. Una valenza che spesso è stata ostacolata da alcuni per questione puramente ideologiche".
Conclude Ruffino: "Lancio un appello alla Giunta per fare chiarezza al proprio interno e per poi chiedere un confronto serio con il Governo, in modo di contribuire a costruire una linea univoca per dare una risposta alle esigenze di una realtà consolidata quale quella delle scuole private".