venerdì 19 maggio 2017

RNEWS - comunicati stampa

Lavoro e fondi compensativi Tav in Val di Susa, Ruffino (FI): "Dalla Regione certezze sui fondi, sostegno alle aziende in crisi e strategie per l'occupazione"
"E' necessario che termini la politica degli annunci, oggi più che mai servono certezze per la Valle, che da anni lancia il proprio grido di dolore. La priorità per la Regione è quella di trovare soluzioni per i posti di lavoro a rischio nelle aziende in crisi e al contempo, mettere in atto iniziative e provvedimenti che favoriscano, per il futuro,le condizioni per l'occupazione. I fondi per le opere compensative della Torino-Lione devono rappresentare una certezza, per dare prospettive alle nostre valli e ai nostri comuni. Basta con i balletti delle cifre e il rimbalzo delle responsabilità che servono solo a danneggiare il territorio"
La vicepresidente del Consiglio regionale del Piemonte, Daniela Ruffino (FI), interviene sulla situazione economica in Piemonte e in particolare nella Valle di Susa, anche in relazione ai fondi compensativi della Tav.
"La Regione si confronti con più energia con il Governo e con le istituzioni locali, a partire da Città Metropolitana e Comune di Torino. Fondamentale in questo campo è il ruolo dei sindaci, che io auspico venga anche esercitato attraverso la presenza ai tavoli dell'Osservatorio. Bisogna mettere in campo tutte le idee e le forze disponibili per progetti di ampio respiro - conclude Ruffino - che favoriscano l'occupazione e le imprese, promuovendo l'export del made in Piemonte e diversificando le attività produttive, puntando anche sulla  promozione del turismo e dei prodotti locali di eccellenza. In tal senso, per la Valle, la certezza sui fondi compensativi della Torino - Lione è alla base di ogni ragionamento. Serve chiarezza per poter programmare interventi concreti che incidano sul lavoro, sul sociale e sul rilancio economico".

 ____________ ° ____________
Rilancio economico, Ruffino (FI): "La denominazione IGP del Pianalto obiettitvo importante per contrastare la crisi"

 "Le opportunità per dare impulso all'economia e al lavoro del Pianalto possono essere realta' e una prospettiva concreta che parte proprio dalla valorizzazione dei prodotti locali. Questi devono incontrarsi per fare sistema, secondo le regole della Blue Economy, con la duplice valenza della materia non utilizzata che dà l'avvio ad un altro sistema produttivo. Il punto di forza da cui iniziare questo percorso è la conquista della denominazione IGP del Pianalto, progetto importante che determinerà un futuro diverso di sviluppo con partner interessanti come il Politecnico, le istituzioni locali, l'Istituto Zooprofilattico, le realtà produttive locali".
 >
Queste le parole di Daniela Ruffino, vicepresidente del Consiglio regionale del Piemonte, che ha partecipato al convegno "Poirino e la Blue Economy. Una nuova opportunità per lo sviluppo del territorio e i suoi prodotti", tenutosi oggi a Poirino nell'ambito della Fiera dell'Asparago e della Tinca 2017.

"L'incontro di oggi rappresenta il momento in cui lanciare un nuovo progetto, per lo sviluppo del Pianalto attraverso una economia che punti alla qualità più che alla quantità, che generi pochi scarti e che ci permetta di vivere in salute nei nostri territori. Dobbiamo puntare, tutti insieme - aggiunge Ruffino - a valorizzare i nostri prodotti, preservando la tradizione ma puntando al tempo stesso al futuro con l'ammodernamento degli impianti, l' impiego di nuove tecnologie e la diversificazione del prodotto".
 > 
"Si tratta di una sfida alla crisi economica e occupazionale che e' possibile. Il nostro territorio - conclude Ruffino - è dotato di esperienze professionali, prodotti di eccellenza e di un patrimonio paesaggistico e artistico il cui riscontro in termini turistici è da abbinare al rilancio produttivo. Sono certa che tutte le realtà istituzionali e sociali della zona sapranno accettare tale sfida, per dare un domani ai nostri giovani e allenostre imprese"


____________ ° ____________
Pronto soccorso / Ospedali , Ruffino (FI): "La Regione intervenga per ridurre le attese del posto letto e il miglioramento dei servizi"


"L'organizzazione della sanità piemontese deve migliorare: non è dignitoso che, ogni giorno, nei pronto soccorso centinaia di pazienti debbano attendere un posto letto per ore e ore, spesso in barella. Se il Piemonte è stato "promosso" con  l'uscita dal piano di rientro, allora razionalizzi al meglio l'impiego di personale e risorse negli ospedali".
 >  
Daniela Ruffino (FI) , vicepresidente del Consiglio regionale, commenta così i riscontri della recente indagine condotta dalla Simeu , Società italiana di medicina emergenza- urgenza.  
 >  
"Il picco di influenza è ormai passato, - sottolinea Ruffino - ma spesso i pronto soccorso sono stracolmi, così come negli ospedali la strumentazione in diversi casi è troppo datata. Per non parlare della mancanza, che a volte si è  verificata , di figure quali quella del chirurgo, del radiologo, dell'ortopedico o  dell'anestesista. Una situazione inaccettabile".
 >  
"Chiederò ancora una volta in Consiglio regionale l'attenzione della Giunta - conclude Ruffino - per  il miglioramento dei servizi e delle condizioni lavorative delle professionalità ospedaliere, cha hanno sempre rappresentato un'eccellenza nella nostra regione. Non è con i tagli delle realtà efficienti che si fanno quadrare i conti, ma con una strategia vincente nell'impiego di personale, mezzi e risorse" , conclude Ruffino
 >